Rado Captain Cook Automatic

Rado Captain Cook Automatic

Rado Captain Cook Automatic

2.070,00

In stock

2.070,00

Rado Captain Cook Automatic

 

Un aspetto originale del 1962 prende vita in una forma nuova e migliorata per il ventunesimo secolo. Con dettagli vintage e uno stile fedele all’originale e caratteristiche aggiornate che lo rendono perfetto per chi lo indossa moderno, Captain Cook è un orologio progettato per resistere alla prova del tempo.

COD: R32505153 | 01.763.0505.3.015 Categorie: , , , , Tag:
  • Descrizione
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Colore: Acciaio, colore
Fondello avvitato
Vetro zaffiro con rivestimento antiriflesso
Resistente all’acqua: 20 bar (200 m)
Materiale: Ceramica high-tech in acciaio inossidabile
Colore: chiaro

Colore:Nero
Super-LumiNova

Bracciale in acciaio inossidabile

Il Rado Captain Cook Automatic 42mm

Sembra che Rado ci abbia preso gusto a riaprire i suoi archivi e girare le pagine dei suoi cataloghi storici, fermandosi spesso a quella del Captain Cook. Questa collezione ha del resto un pedigree forte, riconosciuto da amanti di Rado vintage e millennials, il cui apprezzamento per la storia del marchio è in crescita. Il Rado Captain Cook segue la scia alimentata da orologi fortunati come il Rado Original Captain Cook MKII e si unisce quest’anno al lancio del Rado Golden Horse 1957, riedizione del Golden Horse originale, che ho visto la prima ed unica volta nei saloni di Villa Gamberaia a Firenze durante la presentazione ufficiale della Rado True Thinline Nature Collection.

Un tuffo negli anni 60

Quegli anni hanno sconvolto politica, cultura e musica e, per quanto possa valere, hanno regalato al mondo alcuni tra gli orologi più belli della storia. Nascono in continuazione marchi che inventano storie improbabili pur di dare autorevolezza ad orologi dal design vagamente simile a quello dell’epoca.

Verde, blu e marrone: gli elementi della natura per il Captain Cook 2019.
Tre nuovi modelli entrano in collezione, e due sono in quest’articolo. Il moderno Captain Cook è stato infatti lanciato originariamente nel 2017, ed in due versioni: un più moderno Rado Hyperchrome Captain Cook da ben 45mm ed una riedizione storica, il Rado Captain Cook Automatic limitato a 1962 esemplari, con cassa da 37mm di diametro.

Rado ha infatti un approccio singolare quando si tratta di rievocare modelli del passato: crea la riedizione quasi perfetta, a prova di appassionato, ed una seconda che tende a fondere linee del passato e design attuale e l’HyperChrome Captain Cook rappresenta questa Un tuffo negli anni 60.
Quegli anni hanno sconvolto politica, cultura e musica e, per quanto possa valere, hanno regalato al mondo alcuni tra gli orologi più belli della storia. Nascono in continuazione marchi che inventano storie improbabili pur di dare autorevolezza ad orologi dal design vagamente simile a quello dell’epoca.opzione. Due anni dopo quel lancio, la famiglia si è allargata e le versioni da 42mm riempiono un vuoto, dal mio personale punto di vista, tra piccolo e grande Captain Cook.

I 42mm di cassa non sono eccessivi come sembra: la cassa di ispirazione vintage, pulita e con anse diritte, il vetro glass-box curvo ai lati e piatto al centro, e lo spessore fermo a 12,1mm rendono tutto più semplice. Sono nuovi gli inserti in ceramica, che aggiungono il color verde, il blu, e il marrone (c’è anche il nero), creando una gamma simile a quella lanciata con il Rado True Thinline Nature Collection.

 

La versione del Captain Cook con quadrante e lunetta verde è la più riuscita, soprattutto se monta il bracciale in maglia di acciaio, con chiusura deployante stretta e lunga, e scritta Rado a rilievo. E’ un omaggio ai Rado di un tempo, escluso il trattamento superficiale che ha reso i Rado originali virtualmente indistruttibili. L’intervento si è limitato alla lunetta, realizzata in ceramica e ben fatta, con spessore inferiore a quello un po’ eccessivo di un HyperChrome Captain Cook. Nel primo caso è color verde chiaro, vivido, ed è accoppiato ad un quadrante fumè; ed è un insieme che funziona bene.

La seconda versione sostituisce il verde con un blu oceanico su quadrante fumè. E’ virtualmente lo stesso orologio ma non trasmette le stesse emozioni, forse perché il blu è inflazionato in orologeria, mentre il verde su uno sportivo subacqueo non è così diffuso, e lo è ancor meno su un diver vintage. O, più semplicemente, andrebbe provato sul bracciale in acciaio per darne un giudizio definitivo.

Ottanta ore di riserva di carica: parliamone.

Aspetto estetico e confort mettono apparentemente in secondo piano le specifiche, ed è un peccato: i Captain Cook fanno tesoro dell’esperienza del gruppo e montano un calibro da ottanta ore di riserva di carica, battendo sonoramente la concorrenza in questa fascia di prezzo (2.020€). Se ci fate caso, è una prestazione che viene sottolineata su altri marchi (MIDO ad esempio) ma di cui beneficiano anche i nuovi Rado, sebbene con qualche distinguo (certificazione di Cronometro o spirale in silicio sulle versioni top della concorrenza interna).

In ogni caso, è un elemento distintivo dei marchi di Swatch che va sottolineato, perché se lo stile è il trigger all’acquisto, dopo il primo mese di utilizzo si iniziano ad apprezzare altre cose, e tra queste la durata della carica è un “atout” quando quell’orologio lo metti nel cassetto, per indossare lo smartwatch e misurare la durata delle tue corse durante il weekend.

Informazioni aggiuntive

Orologi

Automatic, Tradition

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Rado Captain Cook Automatic”

Cresta WhatsApp Chat
Invia tramite WhatsApp